DOCUMENTI: quali conservare e per quanto tempo?

Una delle prime cose da fare quando si prepara un trasloco è mettere al sicuro i documenti. Cosa intendo con mettere al sicuro? E perchè?
Talvolta non ci si pensa e si inscatola tutto ma alcune carte servono per “chiudere” la casa che si sta lasciando o serviranno non appena trasferiti. Qualche esempio? Per comunicare la disdetta o il subentro delle utenze viene chiesto spesso il numero clienti che si trova sulle bollette; è opportuno inoltre controllare i contratti di apertura per verificare che, in sede di chiusura, non ci addebitino costi imprevisti; infine è bene domandarsi se e quali documenti potranno servire a breve come le carte per la dichiarazione dei redditi o il passaporto.

Ma è necessario inscatolare TUTTI questi DOCUMENTI? Li avete spulciati di recente? Sapete QUALI DOCUMENTI CONSERVARE E PER QUANTO TEMPO ?

Ho controllato il sito della Guardia di Finanza e reperito altre informazioni dai siti dei consumatori e ho fatto un riassunto per te. L’ho schematizzato in una Happymemo: cliccaci sopra per vederla bene e condividila con chi vuoi tu!

Seguimi nelle Stories di FB e IG, mi trovi come @federicacannataPO, e organizziamo i documenti insieme!

2 pensieri su “DOCUMENTI: quali conservare e per quanto tempo?

    1. Grazie Lucia!
      Come anticipato ci saranno degli appuntamenti in esclusiva per voi 🙂
      E qui sul blog e sulla mia pagina FB puoi trovare sempre tanti suggerimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *